From Poussin to David: French Master Drawings from the Louvre

20,00 

2008 • 136 pp. • brossura • 21 x 28 cm • 85 tavv. a colori
978-88-89854-13-6

Lingua: bilingue inglese, ungherese

Catalogo della mostra
Budapest, Szépművészeti Múzeum, 21 febbraio – 12 maggio 2008

Esaurito

From Poussin to David: French Master Drawings from the Louvre

 

Jean-François Méjanès, Christophe Leribault, Véronique Goarin e Catherine Scheck

 

Da Poussin a David: Capolavori del disegno francese dal Museo del Louvre
Il dipartimento delle arti grafiche del Museo del Louvre conserva la collezione di riferimento per quanto riguarda il disegno francese. Costituitasi a partire dal XVII secolo, quando alla morte di Charles Le Brun, primo pittore del re, la sua raccolta d’atelier venne annessa d’autorità alla corona, in seguito la collezione si è continuamente arricchita attraverso le confische rivoluzionarie, regolari acquisizioni e molteplici donativi. La scelta compiuta espressamente per l’esposizione presso il Museum of Fine Art di Budapest ha radunato ottantaquattro tra i più bei fogli conservati al Louvre di artisti famosi come Poussin, Watteau, Boucher e David o di maestri particolarmente virtuosi in quest’arte come Vouet, Lorrain, Lemoyne o Greuze. Se la nozione di scuola francese è difficile da definire per il suo situarsi all’incrocio di svariate influenze, italiane come nordiche, una delle sue caratteristiche più forti consiste nell’esercizio del disegno in seno all’insegnamento accademico. Aldilà della personalità specifica di ogni artista, questa impronta ha plasmato un’esigenza in materia di disegno di cui la mostra ha reso conto. Fra i temi privilegiati di questa panoramica figurano l’arte di Versailles e i gran decori per i soffitti, le scene galanti, il paesaggio pittoresco e la nascita del neoclassicismo. Il percorso, a un tempo cronologico e tematico, cerca anche di illustrare sia la diversità delle tecniche – inchiostro sanguigna, matita… – che le diverse funzioni del disegno, da notazione di un’osservazione o di un primo pensiero preparatorio, fino alle composizioni perfettamente compiute dei disegni detti “di presentazione”. Il volume, preparato in occasione della mostra, comprende un saggio sul disegno francese e uno sulla formazione della collezione, le schede degli 84 disegni esposti, illustrati a colori, le biografie degli artisti rappresentati e la bibliografia.