19,90 

2016 • 152 pp. • brossura • 16,6 x 24 cm • 20 tavv. a colori e 175 tavv. in bianco e nero
978-88-97737-40-7

Lingua: italiano

Catalogo della mostra
Milano, Fondazione Mudima, 11 febbraio – 11 marzo 2016

Paolo Gallerani. Innesti e snodi

 

a cura di Eleonora Fiorani

 

“Paolo Gallerani è quasi un artista alieno che con questa mostra ci svela e ci rivela un percorso di ricerca personale particolarissimo, apparentemente non ascrivibile ad alcuna esperienza già catalogata dalla storia dell’arte, un percorso che riproduce l’evoluzione della nostra specie. … Si evidenziano invece chiaramente tre grandi filoni culturali che sono alla base di quella che chiamiamo modernità e che ancora possiamo chiamare contemporaneità: il mito della macchina, lo sviluppo tecnologico e la centralità del lavoro … Perché il lavoro dell’uomo, come scrive Eleonora Fiorani, curatrice della mostra, o più precisamente la forma del lavoro, nella riflessione di Paolo Gallerani, politica oltre che artistica, corrisponde alla sua essenza. Il risultato è una scultura diversa e non più solo anomala, una scultura altra rispetto al già conosciuto che si fa guardare ma soprattutto si fa pensare.”

Da Gino Di Maggio, Paolo Gallerani. Una scultura ad alto contenuto etico

La mostra si articola in quattro nuclei espositivi – NIKE, le “macchine”, La Stanza delle pulegge e i “modelli spaziali” – per un totale di oltre 120 opere, con molti inediti, tra sculture, modelli, progetti e disegni anche di grande formato (come la Tavola Tecnica della trasmissione del moto di 12 metri di lunghezza), carte, immagini elettroniche e fotografie: tra queste una serie di scatti sorprendenti di Aldo Ballo per le sculture Ups, 1977, Psiche ed Engine, 1984, che si configura come una mostra nella mostra. Il volume presenta inoltre una sezione di manoscritti dell’autore con note di lavoro.

Vedi la scheda della curatrice

Eleonora Fiorani

Vedi la scheda dell’artista

Paolo Gallerani

Rassegna stampa