Promo

Méroé

39,00  27,30 

2010 • 288 pp. • brossura con alette • 21 x 28 cm • 380 ill. a colori con 4 carte
978-88-89854-50-1

Lingua: francese

In coedizione con musée du Louvre

Catalogo della mostra
Parigi, musée du Louvre, 26 marzo – 6 settembre 2010

Méroé

Un empire sur le Nil

 

a cura di Michel Baud

 

Per la prima volta una mostra e un libro consacrati esclusivamente a Meroe, regno dell’antico Sudan noto per la sua leggendaria capitale e famoso per le piramidi della necropoli reale, permettono di conoscere questa civiltà maestosa ed enigmatica sviluppatasi sulle sponde del Nilo tra il 270 a.C. e il 350 d.C. Erede culturale dell’Egitto faraonico, e al crocevia dei canali di scambio del Mediterraneo orientale, questo regno, pur conservando la sua identità africana, è un esempio di amalgama culturale riuscito.
La mostra presenta oltre 200 pezzi: insieme a veri e propri tesori conservati al Louvre e in altri musei di fama internazionale, si potranno ammirare ben 100 oggetti provenienti dal Museo Nazionale del Sudan a Khartoum, restaurati per l’occasione: vetri, ceramiche, terrecotte, gioielli, sculture, rilievi, sigilli… Tale esposizione è stata resa possibile grazie ai progressi nella comprensione di questo regno ottenuti in seguito ai recenti scavi condotti dal Louvre in Sudan.
Il catalogo che accompagna la mostra, con contributi dei principali specialisti e riccamente illustrato con foto degli scavi e dei monumenti oltre che degli oggetti esposti, costituisce un’opera di riferimento esaustiva sull’argomento, la prima in lingua francese.

Con contributi di

ANDERSON Julie Renée, BAUD Michel, BONNET Charles, ÉVINA Marie, FRANCIGNY Vincent, GRADEL Coralie, GRZYMSKI Krzysztof, KROEPER Karla, MAINTEROT Philippe, NASER Claudia, NENNA Marie-Dominique, ONASCH Hans-Ulrich, PIERRAT-BONNEFOIS Geneviève, RILLY Claude, ROCCATI Alessandro, RONDOT Vincent, SACKHO-AUTISSIER Aminata, SALAH ED-DIN Mohamed Ahmed, THIAUDYERE Cyril, TÖRÖK László, VALBELLE Dominique, WILDUNG Dietrich, WOLF Simone.

Vedi la scheda del curatore

Michel Baud