Giocarsi la vita

45,00 

2019 • 180 pp. • cartonato con sovraccoperta • 29 x 19,2 cm • 86 ill. tricromia, 10 ill. b/n
978-88-3367-049-2

Lingua: trilingue italiano, cinese, inglese

Categorie: , , Tag: , , Product ID: 5100

Giocarsi la vita

Storie di detenzione in Cina

 

Niu Guozheng

a cura di Monica Dematté

 

Niu Guozheng è ormai un signore in pensione, nato e vissuto nella regione dello Henan, la più popolosa della Cina, ma a lungo esclusa dallo sviluppo economico delle città costiere.
Spinto da un grande e autentico afflato egualitario e da un profondo senso della giustizia, Niu Guozheng per più di trent’anni scelse di testimoniare realtà “impresentabili” del suo paese, certo dell’importanza e del valore della memoria.
Impiegato nei ranghi della Pubblica Sicurezza a Pingdingshan, il capoluogo di una zona mineraria molto attiva, entrò presto in contatto con alcune situazioni che il suo senso della giustizia riteneva ingiustificabili. Si dedicò quindi, con un profondo e assai raro senso di responsabilità storica, a registrare le vicende umane all’interno di alcune case mandamentali (in cinese shoushensuo 收审所, istituti, ormai quasi tutti dismessi, nei quali sono detenute le persone in attesa di giudizio per reati lievi, oppure condannate a pene fino a un anno), ritenendo che il trattamento riservato ai detenuti non facesse onore al suo paese. La sua attività di poliziotto munito di macchina fotografica, accettato o tollerato dai colleghi e dai detenuti, è durata quasi dieci anni, e deriva dalla convinzione che solo la conoscenza dei fatti possa portare alla soluzione dei problemi. Scegliere questa posizione equivale però a rinunciare alla visibilità, in un paese in cui le notizie che non abbiano un lieto fine non vengono rese pubbliche. Infatti la serie sulle case mandamentali a tutt’oggi non è mai stata pubblicata in Cina ed è stata mostrata solo una volta, per breve tempo, all’Accademia di Belle Arti di Beijing (CAFA). La fine della sua attività di testimone nelle case mandamentali coincide con la chiusura delle stesse perché le loro condizioni sono state riconosciute ai margini della legalità.
Le immagini di Niu Guozheng, crude e sconvolgenti in alcuni casi, teneramente poetiche in altri, denotano un occhio che affianca all’intento documentario una qualità estetica molto accentuata che ci rimanda ai classici della fotografia. Il suo anacronismo, dovuto all’isolamento del suo paese in quegli anni, ci fa meglio capire la realtà di un’epoca appena trascorsa che sembra ormai molto lontana.
Questo libro intende colmare una grande lacuna, perché è la prima monografia al mondo in grado di documentare la vita all’interno delle case mandamentali cinesi. Grazie a Niu Guozheng possiamo conoscere alcuni aspetti della società cinese degli ultimi decenni destinati altrimenti a cadere nell’oblio.

Vedi la scheda dell’autore

Niu Guozheng

Vedi la scheda della curatrice

Monica Dematté