Diari in attesa

16,00 

2008 • 96 pp. • brossura con alette • 20 x 26 cm • 16 tavv. a colori, 24 tavole a fumetti
978-88-89854-37-2

Lingua: italiano

Esaurito

Diari in attesa

Nuove geografie urbane: Garibaldi-Isola-Varesine Milano parte prima

 

a cura di Gennaro Castellano, Reporting System

 

Diari in attesa è un percorso di ricerca e sperimentazione incentrato sulle nuove geografie urbane, che focalizza l’attenzione su Milano, interessata in questo momento da importanti trasformazioni che coinvolgono il cuore della città. è una riflessione sul progetto di Porta Nuova, recentemente approvato, che riguarda i quartieri Garibaldi-Isola-Varesine, area emblematica della complessità della città contemporanea. Racconta una storia lunga e controversa che dura da decenni, coinvolgendo abitanti, artisti, urbanisti, amministrazione pubblica, investitori, opinion leader. Un tema caldo che si è voluto approfondire in un passaggio fondamentale della sua storia, quello dell’apertura dei cantieri.
Diari in attesa registra un campione significativo tra tutte le possibili testimonianze, creando una narrazione incentrata sulla percezione privata e pubblica del cambiamento, sulla forma che il nuovo assume nell’esperienza quotidiana e nella riflessione degli addetti ai lavori.
Scene dal quotidiano, memorie, opinioni, interviste si intrecciano nelle pagine di una graphic novel, realizzata con la tecnica del fumetto, dove si ritrovano i protagonisti e i loro punti di vista. Parte delle interviste sono invece pubblicate integralmente in un’apposita sezione del volume e selezionate in funzione del grado di responsabilità che gli autori hanno assunto in questa vicenda.
Diari in attesa è quindi uno strumento di riflessione e di lettura del cambiamento in corso, attraverso un intreccio di linguaggi, dall’intervista, alla graphic novel, alla fotografia, che registra varie testimonianze atte a sviluppare una riflessione collettiva sulle dinamiche concrete di costruzione del tessuto urbano nella città contemporanea.

Vedi la scheda del curatore

Gennaro Castellano