The Sforza Castle

12,50 

2007 • 64 pp. • cartonato • 21 x 15 cm • 86 tavv. a colori
978-88-89854-04-4

Lingua: inglese

Volume in lingua italiana (978-88-89854-01-3) esaurito

Categorie: , Tag: , , , , , Product ID: 1882

Il Castello Sforzesco

 

Jack Tow
testi di Amélie Galé

 
Nella tradizione del Grand Tour italiano ecco un magnifico carnet di acquerelli sul Castello Sforzesco. Una guida insolita e affascinante a uno dei più interessanti monumenti di Milano, vestigia del prestigioso passato. Nato come Rocca difensiva sotto il dominio dei Visconti (1368), il Castello fu trasformato in residenza signorile da Francesco Sforza (1450) e dai suoi eredi. Alcuni dei più importanti artisti del Rinascimento, tra cui Filarete, Bramante e Leonardo da Vinci, lavorarono al Castello, teatro degli amori e degli intrighi politici di Ludovico il Moro. Occupato dai francesi, dagli spagnoli e dagli austriaci, il Castello conobbe il suo “risorgimento” solo all’inizio del 1900 grazie al restauro di Luca Beltrami e al Comune di Milano che lo rese sede delle Civiche Raccolte d’Arte. Ancora oggi le sue mura custodiscono veri e propri “tesori”, come la Pietà Rondanini di Michelangelo o gli Arazzi Trivulzio di Bramantino. Questo e molto altro si scopre sfogliando le meravigliose illustrazioni di Jack Tow e leggendo i testi ricchi di curiosità di Amélie Galé, noms de plumes di due storici dell’arte milanesi. Un libro perfetto sia come guida-souvenir della visita sia per scoprire affascinanti vedute e insoliti aneddoti.

Vedi la scheda degli autori

Amélie Galé

Jack Tow