Colors between two worlds

48,00 

2011 | 500 pp. | cartonato con sovraccoperta | 17 x 24 cm | 172 ill. a colori
ISBN: 978-88-89854-95-2

Lingua: inglese

In coedizione con Villa I Tatti The Harvard University Center for Italian Renaissance Studies e Kunsthistorisches Institut in Florenz, Max-Planck-Institut

Esaurito

Categorie: , , Tag: , Product ID: 1770

Colors between two worlds

The Florentine codex of Bernardino de Sahagún

 

a cura di Gerhard Wolf, Joseph Connors

 

Il frate francescano Bernardino de Sahagún (1499-1590), spesso descritto come il primo antropologo del Nuovo Mondo, lavorò per mezzo secolo con i colleghi indigeni del Collegio Imperial di Tlateloco (oggi Città del Messico) ad un trattato enciclopedico su credenze, riti linguaggio, arti ed economia della cultura azteca, che andava scomparendo.
Il volume esamina il manoscritto più riccamente illustrato di questo importantissimo lavoro etnografico, the Historia universal de las cosas de Nueva España (Biblioteca Medicea Laurenziana, Firenze), attraverso il prisma del colore.
Il manoscritto rivela come i colori che gli aztechi adoperavano nella produzione artistica e nella vita quotidiana, come anche i nomi che attribuivano a ogni colore, illuminano la loro visione del mondo, dai fenomeni metereologici alla cura delle malattie.
I pigmenti e i colori impiegati dagli artisti indigeni per illustrare il codice fiorentino riflettono un dialogo più ampio tra la cultura nativa e quella europea, di cui la Historia Universal rappresenta l’apice tra tutti i documenti pervenutici dal mondo coloniale della Nuova Spagna.