Altro Rinascimento

22,50 

2017 | 176 pp. | brossura con alette | 21 x 25 cm | 62 ill. a colori
ISBN: 978-88-99765-613

Lingua: italiano

Catalogo della mostra
Roma, Palazzo Barberini, dal 16 novembre 2017 al 22 gennaio 2018

Categorie: , Tag: Product ID: 3050

Altro Rinascimento

Il giovane Filippo Lippi e la Madonna di Tarquinia

 

a cura di Enrico Parlato

 

Nel 1917, lo storico dell’arte Pietro Toesca riconosce nella commovente Madonna col Bambino conservata nella chiesa di Santa Maria in Valverde a Tarquinia la mano del grande artista fiorentino Filippo Lippi (1406 circa – 1469).
In occasione del centenario di questa importante scoperta, alle Gallerie Nazionali d’Arte Antica Barberini Corsini, dove oggi si conserva la pala lippesca, si è organizzata un’importante esposizione: la Madonna di Tarquinia diventa così lo spunto per analizzare, attraverso un ristretto ma ben selezionato numero di opere (tra le altre, provenienti da importanti musei e collezioni di Parigi, New York, Berlino), la figura di questo frate pittore, personaggio chiave di quella fucina eccezionale che fu la Firenze di metà Quattrocento.
Il catalogo, a cura di Enrico Parlato e redatto da importanti storici dell’arte italiani e stranieri (Anna Modigliani, Laura Cavazzini, Carlo Bertelli, Carl Strehlke, Keith Christiansen…), si sviluppa in cinque parti: nella prima, viene analizzata la figura dell’arcivescovo di Firenze Giovanni Vitelleschi, committente della pala di Tarquinia, sua città natale. Nel 1437 (data che ritroviamo nella pala stessa, sul cartiglio ai piedi della Vergine), Vitelleschi decide di tornare nella sua città d’origine, portando la pala del Lippi e facendosi edificare un sontuoso palazzo (oggi sede del Museo Nazionale Etrusco).
Nella seconda parte del volume, l’analisi “al microscopio” del capolavoro fulcro della mostra consente di esaminare gli esordi di Lippi. Entrato giovanissimo nell’ordine dei carmelitani di Firenze, gli affreschi di Masolino e Masaccio sono la sua prima scuola, ma non mancano influenze diverse come quelle di Donatello, Domenico Veneziano, Lorenzo Monaco e i fiamminghi.
La terza sezione del catalogo è dedicata al già menzionato storico dell’arte Pietro Toesca, pioniere della «documentazione fotografica» intesa come riproduzione di opere d’arte, ad uso e supporto dei suoi studi, in particolare sul Quattrocento, e all’archeologo Giuseppe Cultrera, fondatore del Museo di Tarquinia e figura centrale negli studi storico-artistici della zona dell’alto Lazio.
Infine, dopo la quarta sezione che presenta le schede delle opere esposte e un regesto documentario, l’ultima parte è dedicata al restauro e alla conservazione della Madonna di Tarquinia, di particolare interesse perché uno dei rari casi in cui si sia conservata la cornice originale.

Vedi la scheda del curatore

Enrico Parlato

Contenuti extra

Rassegna stampa