Discorso intorno alla scoltura e pittura

24,90 €

2018 | 192 pp. | brossura | 17 x 24 cm | 40 ill. b/n, 16 tavv. a colori
ISBN: 978-88-99765-80-4

Discorso intorno alla scoltura e pittura

 

Alessandro Lami

 

edizione critica a cura di Patrizio Aiello

 

Nel 1584 l’editore Cristoforo Draconi dà alle stampe il Discorso intorno alla scoltura e pittura di Alessandro Lami, letterato dilettante originario di Cremona. Il testo si presenta, nelle intenzioni del suo autore, come una difesa della pittura cremonese a fronte del silenzio di Giorgio Vasari, che nelle sue celebri Vite aveva dedicato a quella città solo pochi cenni. Tuttavia, ci si rende conto dopo poche pagine che la pretesa difesa dell’onore cittadino cede presto il passo al vero argomento del libro: un lungo elogio di Bernardino Campi, pittore originario di Reggio Emilia ma attivo principalmente a Milano e a Cremona (tanto che, a dispetto dei suoi natali, si rmerà sempre «cremonensis»). Come nel ben più celebre caso di Michelangelo e Ascanio Condivi (Vita di Michelangelo, 1552), il sospetto che il biografato sia in realtà dettatore si fa, pagina dopo pagina, sempre più certezza; ciò non signi ca però che a Lami non sia lasciato lo spazio per mostrare le sue doti letterarie. Le molte notizie biografiche sul Campi, tutte di prima mano, sono infatti intervallate da componimenti poetici dell’autore, che celebra in particolare la vasta ritrattistica dell’amico pittore, in un connubio che richiama, dalle latitudini della Bassa, il «cerchio magico» (Bolzoni) di Tiziano e Pietro Aretino.

Il testo, che ha avuto una seconda vita grazie a una nuova stampa nel 1777 (riproposta in anastatica da Alfredo Puerari negli anni Settanta del secolo scorso), si presenta qui in un’edizione commentata, preceduta da un testo di inquadramento che tenta di rendere con- to della sua genesi non lineare e delle fonti, non sempre banali, del suo autore, che dialoga con personalità eminenti della poesia lombarda, come Luca Contile o Giuliano Goselini.

Vedi la scheda degli autori

Patrizio Aiello

Alessandro Lami