100 anni. Scultura a Milano

34,00 

2017 | 304 pp. | brossura con alette | 23 x 28 cm | 146 ill. a colori
ISBN: 978-88-99765-37-8

Lingua: italiano

Catalogo della mostra
Milano, Galleria d’Arte Moderna, dal 22 marzo al 3 dicembre 2017

100 anni. Scultura a Milano

1815-1915

 

a cura di Omar Cucciniello, Alessandro Oldani, Paola Zatti

 

Il catalogo della mostra 100 anni. Scultura a Milano 1815-1915 rappresenta un indispensabile strumento di studio e di ricerca sul tema della scultura a Milano nell’Ottocento e nel primo Novecento e rende conto di un lavoro di censimento, valorizzazione e tutela delle collezioni della Galleria d’Arte Moderna di Milano, che si affianca al catalogo del patrimonio esposto della GAM (Officina Libraria. 2017).
Preceduta da un’importante campagna di restauro, la mostra presenta una selezione dell’ingente patrimonio scultoreo della Galleria, inedito perché conservato nei depositi del museo e in larga parte mai esposto al pubblico. Ai depositi si attinge per documentare, con un centinaio di opere, la storia della scultura milanese nell’arco di cento anni (dal 1815 al 1915), dal neoclassicismo fino al tardo simbolismo, una stagione durante la quale Milano si attesta capitale della produzione scultorea italiana grazie alla presenza di alcuni maestri di fama internazionale (Grandi, Puttinati, Marchesi, Cacciatori, Troubetzkoy, Wildt, Vela, Barzaghi, Magni, Strazza e numerosi altri).
La mostra, così come il catalogo che la affianca, si articola in sei sezioni. Si parte dall’importanza del Mito come punto di partenza per la produzione scultorea del Neoclassicismo, per proseguire poi con il fiorire delle tematiche letterarie, che si verifica nella nuova temperie romantica. Grande spazio viene dato poi alla stagione della cosiddetta «Scuola di Milano», dove la scultura, che affronta ora soprattutto temi di genere, si apre ai successi internazionali delle grandi esposizioni. Si prosegue quindi con il grande tema della Nazione: personaggi, storia e monumenti del momento risorgimentale, che animano le commissioni e le occasioni di lavoro degli scultori. Il percorso si chiude con il sopraggiungere della crisi della forma chiusa della statuaria nell’opera di artisti come Bazzaro, Troubetzkoy e Medardo Rosso, e infine con le inquietudini ormai moderne e già dentro il nuovo secolo della stagione del simbolismo e del realismo, con le sue tematiche ideali e le sue tensioni sociali.
Il catalogo raccoglie saggi di importanti studiosi sui principali temi della vicenda scultorea milanese lungo un secolo di storia, oltre ad affondi sulla committenza, sui luoghi cittadini della scultura e sul suo contesto letterario e culturale.
Completano l’opera la schedatura scientifica di tutte le opere e un utile regesto biografico degli artisti.

Vedi le schede dei curatori

Omar Cucciniello

Alessandro Oldani

Paola Zatti

Contenuti extra

Rassegna stampa